Ma quante cuffie ci sono in commercio?

Dovete sapere che ci sono diversi tipi di cuffie attualmente in commercio, ma possiamo facilmente distinguerle basandoci sulle qualità ergonomiche e sulla tecnologia che utilizzano per funzionare.

Cuffie e tecnologia

  • Le cuffie tradizionali hanno bisogno di un cavo che deve necessariamente essere connesso all’apposito adattatore. Ovviamente sono meno pratiche delle cuffie wireless in quanto il cavo ci può impicciare un po’, ma – a parità di prezzo – la qualità sonora garantita dai modelli tradizionali è migliore rispetto a quella delle cuffie wireless.

Le cuffie wireless, invece, possono essere divise in tre categorie principali.

  • Le cuffie wireless infrarossi sono le più economiche attualmente disponibili sul mercato e garantiscono una connessione perfettamente stabile, ma la portata è limitatissima. Pensate al vostro telecomando: questo prodotto utilizza proprio la tecnologia a infrarossi.
  • Le cuffie wireless a radiofrequenza possiedono un raggio d’azione che può superare anche i cento metri e possono offrire una buona qualità audio. Purtroppo, questa tipologia di cuffie wireless è spesso soggetta a delle interferenze causate da altri apparecchi che usano le onde radio e l’ascolto potrebbe risultare davvero un po’ troppo disturbato.
  • Le cuffie wireless Bluetooth sono la tipologia che ha ormai conquistato il mercato. Sebbene siano meno economiche rispetto alle cuffie wireless infrarossi o alle cuffie wireless a radiofrequenza. Infatti, questa tipologia è in grado di garantire un ascolto più stabile rispetto alle cuffie a radiofrequenza e possiede una portata nettamente maggiore rispetto alle cuffie wireless ad infrarossi.

L’ergonomia delle cuffie wireless Bluetooth

Possiamo dividere le cuffie wireless Bluetooth in tre grandi famiglie principali, almeno dal punto di vista ergonomico

  • Le cuffie wireless circumaurali circondano il padiglione dell’orecchio. Nel complesso sono un più pesanti rispetto alle altre cuffie, ma sono perfette per l’isolamento.
  • Le cuffie wireless sovraurali si appoggiano sul padiglione dell’orecchio, ma non lo racchiudono completamente. Non possono isolare dal rumore esterno come le cuffie circumaurali, ma sono più leggere.
  • Le cuffie interarticolari sono piuttosto piccole e vanno piazzate all’interno del canale uditivo. Garantiscono un buon isolamento e sono abbastanza comode.

 

Queste sono le distinzioni più importanti da conoscere assolutamente prima di procedere all’acquisto di una cuffia wireless o di una cuffia tradizionale. Ora che sapete queste caratteristiche principali, potete riflettere con più fattori.